Home > BOLLO AUTO > FAQ

FAQ

D.: Mi accingo ad acquistare un nuovo veicolo e vorrei dare in permuta la mia precedente autovettura. Quali sono gli adempimenti che mi tutelano dal ricevere, in futuro, sgraditi avvisi da parte della Regione Molise per il mancato pagamento del bollo sul vecchio veicolo ?

R.: Solo ai rivenditori autorizzati di veicoli è consentito richiedere alla regione la sospensione del pagamento del bollo per i veicoli in giacenza. I veicoli per poter essere presi in carico dalle imprese ai fini della rivendita, devono obbligatoriamente essere trasferiti in capo alle stesse mediante "minivoltura", a norma dell’art. 25, comma 1 della L.R. n. 11/2014, fermo restando gli ulteriori adempimenti connessi (comunicazioni e pagamento tassa nei termini). Quindi, nel permutare la sua vecchia auto dovrà sottoscrivere un atto di vendita a favore del rivenditore/concessionario. Tale atto sarà trascritto al PRA intestando il veicolo all’impresa di rivendita dei veicoli. Sarà il rivenditore stesso a richiedere la sospensione del pagamento del bollo a partire dal periodo fisso successivo alla data di presa in carico (ad esempio, se si consegna un veicolo a benzina o ecodiesel nel mese di marzo 2014 ed il periodo tributario in corso è gennaio-dicembre 2014, la sospensione decorre dal mese di gennaio 2015).

 

D.: Sono possessore di una moto che è stata immatricolata da più di 26 anni, di quali agevolazioni posso usufruire a fronte del pagamento della tassa di possesso ?

R.: fino al 31/12/2014 i veicoli ultraventennali usufruivano delle stesse agevolazioni previste per i veicoli ultratrentennali. A partire la 1° gennaio 2015 soltanto i veicoli storici ultratrentennali sono esenti dal pagamento della tassa automobilistica:
l’esenzione è automatica e non occorre quindi presentare alcuna domanda (non è necessario che siano iscritti in un registro storico).
Nel caso che un veicolo ultratrentennale sia posto in circolazione su strade e aree pubbliche è dovuta una tassa di circolazione a importo fisso pari a:

Euro 28,00 per gli autoveicoli
Euro 11,00 per i motoveicoli

La tassa di circolazione è dovuta per l’intera annualità (periodo gennaio - dicembre) e non è assoggettabile a sanzioni in caso di ritardato pagamento.
Questa tassa di circolazione non va pagata nel caso il veicolo non circoli; nel caso venga utilizzato, il conducente deve portare con sé la ricevuta di pagamento della tassa di circolazione che dovrà essere esibita su richiesta degli organi di polizia in caso di controlli.

 

D.: Sono proprietario di una autovettura immatricolata 24 anni fa e classificata di interesse stroico. L’autovettura è iscritta all’ASI e fino ad oggi ho pagato la tassa di circolazione in misura ridotta, l’ultima con scadenza dicembre 2014. Ho letto, sui giornali che la nuova legge di stabilità ha eliminato tale agevolazione a partire dal gennaio 2015. Ora, tenuto conto che dovrò versare nuovamente la tassa di proprietà fino al compimento del trentesimo anno dall’immatricolazione, vorrei sapere in quale, fra le scadenze previste per le autovetture (Dicembre, Aprile, Agosto), potrò far ricadere quella del bollo della mia auto ?

R.: La Legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge distabilità per il 2015) all’art. 1 comma 666 ha disposto modifiche(un’abrogazione parziale) dell’art. 63 della legge 342/2000.
A seguito delle citate modifiche, a partire dal periodo d’imposta decorrente dal 1° Gennaio 2015, tutti i veicoli (autoveicoli e motoveicoli)compresi trai 20 e i 29 anni sono assoggettati alla ordinaria tassa automobilistica regionale istituita con T.U. n. 39/1953 e disciplinata dalla legge n. 53/1983.

Di conseguenza, dal primo gennaio 2015, le date di scadenza dei pagamenti dei veicoli che fino al 31/12/2014 erano riconosciuti di particolare interesse storico e collezionistico che sono stati immatricolati tra i 20 e i 29 anni precedenti, per l’anno 2015 e seguenti sono:

A) per le autovetture e pergli autoveicoli per il trasporto promiscuo con potenza effettiva superiore a 35 KW o a 47 CV (o conpotenza fiscale superiore a 9 cavalli se immatricolati fino al 31 dicembre1997):

  • Bollo annuale entro il 02 febbraio 2015 per la periodicità gennaio - dicembre 2015. Negli anni futuri e fino al compimento del 29° anno compreso, il bollo avrà sempre periodicità gennaio - dicembre di ogni anno;

B) per gli stessi autoveicolidi cui alla precedente lettera con potenza effettiva fino a 35 KW o a 47 CV (o con potenza fiscale fino a 9 cavalli seimmatricolati fino al 31 dicembre 1997) e per tutti i motoveicolicon le seguenti modalità:

  • Primo bollo di raccordo con periodicità gennaio - luglio 2015 (entro il 02 febbraio 2015)e successivamente, bollo con periodicità agosto 2015 - luglio 2016 (negli anni futuri, la periodicità sarà sempre agosto - luglio).

 



 



.