Home > Notizie ed eventi > L’ACI ... si incontra - Seconda Conferenza ACI del Molise

L’ACI ... si incontra - Seconda Conferenza ACI del Molise

28.04.2011

Si è svolta il 15 aprile 2011 la seconda Conferenza ACI del Molise, dal titolo “L’Aci … si incontra” che ha visto riunita presso l’Hotel La Fonte dell’Astore a Castelpetroso (IS) l’intera struttura ACI sul territorio regionale alla presenza del Segretario Generale dell’Automobile Club d’Italia Ascanio Rozera e di numerose autorità politiche.
 
L’incontro, preceduto da un’attività di formazione nei confronti delle delegazioni ACI molisane, ha rappresentato un’importante occasione per presentare i brillanti risultati prodotti dagli Automobile Club Campobasso e Isernia negli ultimi due anni e soprattutto per delineare l’attività futura dell’Ente nel prossimo futuro.
 
Ha introdotto i lavori il Presidente del Comitato Regionale degli Automobile Club del Molise e dell’Automobile Club Campobasso Paolo Rizzi il quale, avendo celebrato di recente i suoi primi quindici anni di impegno in ACI, ha potuto fare un breve excursus delle numerose attività realizzate.
 
Abbiamo progettato, regolamentato e gestito la sosta a pagamento nella città di Campobasso, abbiamo avuto il coraggio di riprendere l’organizzazione del Rally del Molise fino a farlo diventare finale del Trofeo Italiano Rally, abbiamo fatto crescere tanto lo Slalom città di Campobasso fino al punto in cui gli addetti ai lavori sono concordi nel definirla una delle migliori gare del Campionato Italiano Slalo;, abbiamo avviato nel Molise, da pionieri, una intensa attività di educazione e sicurezza stradale tra i giovani e nelle scuole, abbiamo edito un libro, il Manuale per il Patentino Facile, che è stato distribuito in 12.000 copie in tutte le scuole della regione Molise, abbiamo realizzato Corsi di educazione stradale e Corsi di guida sicura. Nella storia della città è ancora vivo il ricordo del Corso di Guida sicura per autisti di autobus e scuolabus che ha visto entrare un autobus e uno scuolabus di Campobasso presso il Centro di Guida Sicura ACI Vallelunga. Abbiamo coinvolto e catalizzato l’attenzione degli appassionati di auto d’epoca, di fuoristrada e delle auto da corsa, facendo nascere e crescere diversi club di auto storiche, un club Ferrari ed alcune scuderie per gare automobilistiche. Abbiamo organizzato conferenze e manifestazioni alcune delle quali hanno travalicato i confini stessi dell’Italia per affacciarsi a Bruxelles e addirittura negli Stati Uniti, ma mai nella storia molisana ha affermato il Presidente Paolo RIZZI - c’era stata tanta sintonia e collaborazione tra gli Automobile Club Campobasso e Isernia. Una collaborazione nata da un intenso rapporto che si è creato con il Presidente dell’Automobile Club Isernia Raffaele Sassi e facilitato dal coinvolgente entusiasmo e impegno del Direttore dei due Automobile Club molisani Giovanni Caturano.
La realizzazione nel 2010 di “Muoversi in Molise” una rivista periodica unica dei due Automobile Club, l’organizzazione congiunta di alcune iniziative nel campo sportivo, la collaborazione in campo amministrativo, l’impostazione di un percorso di formazione unitario in campo regionale, rappresentano soltanto alcuni esempi, seppur significativi, di un percorso ancor più intenso e qualificato che ha già portato risultati di grande soddisfazione per entrambi gli Automobile Club e per l’intera Federazione ACI nel Molise e in Italia.
 
Nel suo intervento, il Presidente dell’Automobile Club Isernia Raffaele Sassi, pur essendo al suo primo mandato di Presidente, ha ricordato alla platea la propria cultura di famiglia dell’ACI in quanto il suo papà aveva lavorato presso l’ACI Campobasso e poi presso l’Automobile Club Isernia quando nel ’70 venne istituita la provincia isernina, Nel manifestare la propria grande soddisfazioneper ospitare per la prima volta a Isernia il Segretario Generale dell’ACI, e per il notevole successo registrato dall’ACI a Isernia anche grazie agli accordi in corso con la DR Motor Company, il Presidente Sassi ha confermato che mai, nella storia dei due Automobile Club si era potuta riscontrare una tale sintonia di vedute, una tale collaborazione tra le strutture, una organizzazione congiunta di attività, ma soprattutto non c’era mai stata una progettualità in comune.
 
I frequenti incontri con il Presidente dell’Automobile Club Campobasso – ha ribadito il presidente Raffaele SASSI  - il rinnovato e qualificato Consiglio Direttivo dell’Automobile Club Isernia e la direzione unica dei due Automobile Club affidata proprio dal Segretario Generale dell’ACI al dr. Caturano, hanno senz’altro contribuito a far nascere per la prima volta un progetto unico di crescita non di una sola struttura, ma di tutta la Federazione ACI sul territorio molisano.
 
L’intervento di dettaglio è toccato al Direttore degli Automobile Club di Campobasso e Isernia Giovanni Caturano che ha elogiato tutte le componenti della rete ACI presenti sul territorio molisano: il personale dipendente, le delegazioni, le società collegate, le agenzie Sara assicurazioni, i Centri di soccorso stradale, i Centri di revisione, i delegati sportivi, i referenti per l’educazione e sicurezza stradale, i collaboratori della rivista Muoversi in Molise, per la loro professionalità, il loro impegno e l’elevata motivazione. Ha poi elencato le numerose iniziative realizzate dagli Automobile Club molisani nel 2010. 
 
Abbiamo realizzato –ha affermato il Direttore Caturano - Corsi di formazione nelle quinte elementari, nelle scuole medie e nelle scuole superiori, abbiamo organizzato un Convegno sul tema Alcool e droga: rischi sull’uso dei veicoli, abbiamo fatto salire in macchina alunni delle scuole superiori per dimostrazioni di guida sicura, abbiamo realizzato una Conferenza su Sport e Sicurezza Stradale, abbiamo promosso diverse manifestazioni turistico-ricreative in auto d’epoca, abbiamo organizzato i Corsi per la preparazione degli Ufficiali di Gara e per il rilascio delle prime licenze conduttori per novelli piloti, abbiamo organizzato la diciottesima edizione di uno Slalom valido per il Campionato Italiano Slalom e la undicesima edizione di un Rally che ha visto la partecipazione anche di equipaggi provenienti dagli Stati Uniti d’America. Abbiamo formalizzato accordi con l’Università degli Studi del Molise e con alcuni Istituti superiori di Campobasso e Isernia per la presenza di stagisti presso gli Automobile Club molisani, e per il prossimo anno scolastico stiamo programmando la presenza degli allievi anche presso le delegazioni ed altre strutture dell’Ente. Abbiamo rafforzato il ruolo di rappresentanza dell’ACI con la presenza nelle Conferenze permanenti presso le Prefetture, con diversi interventi in favore degli automobilisti, con comunicati stampa e con la presenza specifica dei Presidenti e del Direttore in diversi Convegni e seminari locali, ma soprattutto è stata rafforzata la comunicazione istituzionale dell’ACI con la redazione di “Muoversi in Molise” - un House Organ unico in ambito regionale – che è diventato immediatamente, sin dal suo primo numero, un punto di riferimento sul territorio, fagocitando l’attenzione e l’interesse di numerose istituzioni locali. E’ stata curata una puntuale attività di comunicazione nei confronti delle istituzioni locali. Ai Presidenti delle due province, ai Sindaci, agli Assessori alla mobilità e ai Comandanti delle polizie locali di ogni singolo Comune del Molise, abbiamo illustrato nei dettagli l’attività che l’ACI è in grado di offrire loro in ogni settore della mobilità. Oggi, gli Automobile Club nel Molise sono in grado di offrire il proprio supporto concreto alle amministrazioni locali per un Sistema Integrato di Mobilità e Sicurezza Stradale che possa comprendere l’organizzazione, il coordinamento e l’operatività di tutte le attività connesse alla mobilità, alla sosta, alla formazione tecnico-professionale, all’educazione stradale, alla sicurezza della circolazione, all’impatto ambientale, alla sorveglianza e sicurezza della città, alla segnaletica, alla disciplina delle zone a traffico limitato, al monitoraggio del traffico e dell’ambiente, all’analisi degli incidenti stradali, agli studi sulla consistenza del parco veicolare, all’assistenza e soccorso stradale, al controllo della sosta e rimozione forzata dei veicoli, alla pulizia e bonifica delle strade a seguito di incidenti stradali, alla organizzazione di convegni, conferenze, corsi base ed avanzati di guida sicura, al controllo costante dell’usura della pavimentazione stradale per la pianificazione della manutenzione, alla gestione di autoveicoli, microcar e biciclette elettriche e rispettive colonnine di ricarica, ai più avanzati ed esclusivi sistemi di pagamento della sosta, ai sistemi di rilevazione e controllo della velocità, del transito in zone vietate o in passaggi semaforici, alle procedure per la elevazione, invio e riscossione delle contravvenzioni, ai più avanzati sistemi di car-sharing e di infomobilità, già realizzati con il progetto Luce Verde in numerose province e regioni d’Italia, e la gestione operativa di ogni altra attività connessa alla mobilità per la quale le Amministrazioni locali dovessero manifestare l’esigenza, in un rapporto di piena e reciproca collaborazione tra amministrazioni pubbliche.
 
Ha preso poi la parola il Vice Presidente della Giunta regionale Mario Pietracupa  che ha ricordato le numerose occasioni di collaborazione della Regione Molise con gli Automobile Club molisani in materia di educazione e sicurezza stradale e il prezioso contributo che l’ACI offre alla Regione e alla collettività sui temi della mobilità e ha manifestato il proprio interesse ed il proprio impegno ad elaborare nuove attività da realizzare con l’ACI nel Molise.
 
 
Il Presidente della Camera di Commercio di Isernia Luigi Brasiello  si è soffermato sull’importanza che l’ACI riveste per i giovani, non soltanto nel campo della sicurezza stradale, ma anche nel settore dell’occupazione e dell’avviamento al mondo del lavoro.
 
 
 
L’intervento conclusivo della serata è stato quello del dr. Ascanio Rozera Segretario Generale dell’Automobile Club d’Italia  che ha spaziato a largo raggio sui numerosi progetti nazionali sui quali l’ACI è attualmente impegnato e sulle collaborazioni istituzionali con il Ministero della Pubblica Amministrazione e Innovazione –mettiamoci la faccia- , con il Ministero del Turismo –sito web governativo-, con Regioni e province –infomobilità Luce Verde, imposte di trascrizione, rc auto- con il Ministero dei Trasporti –patente a punti, corsi per recupero punti, corsi di guida sicura-. Il Segretario Generale dell’ACI ha poi elogiato il grande gioco di squadra dell’ACI nel Molise, che già ben conosceva, ma che ha avuto modo di apprezzare personalmente anche con questa manifestazione.
 
I Presidenti che collaborano attivamente per far crescere l’ACI nell’intero Molise, un Direttore unico che è la vera anima dello sviluppo dell’ACI sul territorio, i risultati al di sopra di ogni previsione – ha affermato il Segretario Generale dell’ACI Rozera – fanno sì che il Molise sia un esempio per tutta la federazione ACI in Italia e per questo può diventare un laboratorio nel quale sviluppare nuove soluzioni organizzative da esportare poi in altre realtà d’Italia.